10 giorni a Fuerteventura

Descrizione itinerario

1° giorno: partenza all’alba del 31 dicembre per Fuerteventura. Una volta giunti a destinazione prendiamo la macchina a noleggio e ci dirigiamo verso Corralejo, dove alloggeremo per 4 notti. Meravigliati dalle temperature estive che troviamo, iniziamo a visitare la parte nord-ovest dell’isola prendendo una strada sterrata che ci conduce alla famosa “pop-corn beach” (Playa del Bajo de la Burra). Si tratta di una spiaggia vulcanica ricoperta da coralli bianchi che da vicino sembrano davvero pop corn!
Arriviamo per pranzo nella zona di El Cotillo, dove facciamo una passeggiata alla Playa del Castillo, spiaggia immensa e selvaggia con le montagne sullo sfondo. Qui riposiamo un po’ al sole approfittando della mancanza di vento.
Continuiamo il tour lungo la costa e scegliamo un punto, Playa del Aguila, per aspettare l’ultimo tramonto dell’anno.
Con il cielo ancora rosa riprendiamo la sterrata verso casa. Per la sera di capodanno festeggiamo guardando i fuochi d’artificio dal lungomare di Corralejo.

2° giorno: in questa seconda giornata, prima di continuare a vedere la costa ovest dell’isola, passiamo nella parte più centrale fermandoci prima a Betancuria, uno dei più importanti siti storici delle Canarie e antica capitale dell’isola. Proseguiamo poi raggiungendo alcuni punti panoramici come il Mirador Las Penitas, caratteristico anche per la presenza di tanti scoiattoli e corvi, e il Mirador Morro Velosa, uno dei punti più alti dell’isola da cui si gode di una magnifica vista dell’entroterra.
Ci spostiamo verso la costa arrivando ad Ajuy, un piccolo paesino dove pranziamo su una terrazza sul mare con tapas e sangria. Ajuy è nota per la sua spiaggia nera e onde alte. Da qui parte un sentiero sopraelevato che porta in pochi minuti alle grotte Cuevas Negras.
Dopo la passeggiata alle grotte, aspettiamo il tramonto sulla spiaggia e torniamo a Corralejo per la serata.

3° giorno: questa mattina sveglia presto per ammirare l’alba sul mare dalle famose dune di Corralejo.
Ci spostiamo poi verso il Calderon Hondo. Dal parcheggio parte un sentiero semplice e non molto lungo che in meno di un’ora ci conduce alla vetta, da dove si può contemplare il cratere di questo vulcano dalle sfumature rossastre e il panorama circostante fino all’estremo nord di Fuerteventura.
Riprendiamo la macchina e ci spostiamo verso la costa, fermandoci alle piscine naturali di Aguas Verdes, dove facciamo anche il bagno circondati da branchi di pesci.
Dopo un po’ di relax in questo luogo incontaminato ci spostiamo a Playa Los Molinos, una piccola cala di case di pescatori, dove approfittiamo del chiringuito sul mare per fare un aperitivo a base di cerveza, polpo a la gallega e papas arrugadas, godendoci infine il tramonto in questo posto magico.
Torniamo a Corralejo per cena, dove andiamo a mangiare a la Arroceria, per la migliore paella della zona.

4° giorno: dal porto di Corralejo prendiamo il traghetto che in soli 15 minuti ci porta all’isla de Lobos (il costo del traghetto è 15€ a/r), un piccolo isolotto incontaminato di circa 4,5 km² con solo due sentieri che conducono al faro, all’estremità dell’isolotto.
Saliamo anche sul punto più alto a 270 metri, Montana la Caldera, da cui godere di un ineguagliabile panorama sulle isole di Fuerteventura e Lanzarote.
Arriviamo infine a Playa de la Concha, dove ci rilassiamo grazie a sole, sabbia bianca e acqua cristallina.
Riprendiamo il traghetto nel pomeriggio e ci spostiamo verso le dune di Corralejo, per ammirarle questa volta con le luci del tramonto.
La sera andiamo a mangiare in un tapas bar molto caratteristico e con tante specialità a base di polipo.

5° giorno: in questa giornata iniziamo a scendere verso la costa est dell’isola, fermandoci a Caleta de Fuste.
La mattina facciamo una passeggiata sulla lunga strada che costeggia il mare fermandoci alla piscina naturale, visibile solo con bassa marea.
Questa è una zona molto turistica con resort e spa, tanto da indurci a fermarci per una notte in uno di questi hotel, dove trascorriamo il pomeriggio a bere pina colada in piscina vista oceano e ad ammirare il tramonto dalla piscina idromassaggio sulla terrazza dell’hotel.

6° giorno: dopo una ricca colazione decidiamo di noleggiare la bici e percorrere la ciclabile circondata dalle palme che costeggia Caleta de Fuste.
Riconsegnate le bici ci spostiamo a Pozo Negro, un piccolo villaggio di pescatori, grazioso per le sue case blu e bianche.
Proseguiamo il nostro viaggio verso sud fermandoci al mirador astronomico de Sicasumbre, all’entrata del parco naturale di Jandia, e arrivando a Playa de La Pared per il tramonto.
La strada per arrivare a La Pared è immersa in un paesaggio lunare, tra montagne vulcaniche e costa frastagliata.
Anche questa spiaggia di sabbia scura è molto selvaggia e tramite un sentiero che sale lungo la scogliera permette di raggiungere un mirador perfetto per ammirare il tramonto. Attenzione però al forte vento.
Ci spostiamo poi a Costa Calma, nella parte orientale, attraversando la sottile striscia di terra larga circa 5 Km (la parte più stretta dell’isola) dove trascorreremo le ultime 4 notti.

7° giorno: in mattinata andiamo a la Playa de Sotavento de Jandia, una bellissima e interminabile spiaggia di sabbia bianca, dove le maree formano diverse lagune che ogni giorno permettono di godere di un paesaggio differente.
Proseguiamo lungo il sud della costa, fermandoci al faro di Morro Jable, da dove iniziamo una piacevole passeggiata lungomare fino alla cittadina omonima, per poi tornare all’alloggio.

8° giorno: in questa mattinata decidiamo di prendere una lezione di surf a La Pared, dove ci intratterremo per circa due ore riuscendo a cavalcare qualche piccola onda. Finita la lezione ci dirigiamo verso la punta più a sud dell’isola, il faro di Jandia, attraverso una lunga strada sterrata completamente nel nulla (al massimo ci si imbatte in quale capra).
Prima di arrivare al faro ci fermiamo a Playa del Puertito, un piccolissimo villaggio composto di case e roulotte con due ristoranti sul mare, dove pranziamo con dell’ottimo pesce.
Proseguiamo poi a piedi verso il faro, dove quello che affascina maggiormente è la potenza dell’oceano con le due diversi correnti che si scontrano tra loro, dando origine a spumeggianti onde.
Il vento è molto forte e questo rende il paesaggio ancora più selvaggio.

9° giorno: ci aspetta un trekking sul punto più alto dell’isola: il Pico de la Zarza. Un trekking lungo, ma non troppo impegnativo, in cui si impiegano circa 2h30 per salire e 2h per scendere. Dalla cima, a 800 mt di altitudine, c’è uno stupendo panorama sull’immensa Playa di Cofete. Torniamo al parcheggio e riprendiamo la macchina per dirigerci, appunto, a Playa di Cofete.
Dopo 20 km di strada sterrata e curve a strapiombo sull’oceano da una parte e montagne dall’altra, finalmente arriviamo in questa spiaggia immersa in uno stupendo paesaggio lunare. Dopo una passeggiata completamente in solitaria arriviamo di fronte a Roque del Moro, un immenso scoglio che svetta in mare e sul quale le onde si infrangono con forza.
La sera torniamo a Costa Calma e scegliamo un buon ristorante di pesce per goderci la nostra ultima cena a Fuerteventura.

10° giorno: giorno della ripartenza, abbiamo il volo la mattina presto, quindi da Costa Calma partiamo direttamente per l’aeroporto di Puerto del Rosario.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

Noleggiate l’auto con Cicar se non volete usare carte di credito. Sarebbe preferibile una macchina da sterrato, ma anche con una 500 tutte le strade sono percorribili (chiaramente con maggiore attenzione e andando piano).

Ristoranti:
– Pulperia Dejavu (Corallejo), per tapas tipiche spagnole
– Arroceria (Corallejo), per paella
– Terraza del Gato (Costa Calma), per ottimo pesce
– Tasca Dos Jotas (Costa calma), per formaggi e salumi tipici

Per l’isla de Lobos ricordate di prenotare la barca almeno un giorno prima e soprattutto di compilare il form per l’accesso all’isola.

Potrebbero interessarti anche questi itinerari:

Playa de Valdevaqueros - Tarifa

Andalusia

Road Trip in Andalusia. Un itinerario di viaggio tra cultura e mare, passando per le principali città: Siviglia, Malaga e Cordoba.

Leggi Tutto »

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?