5 giorni in Sicilia Occidentale

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email

Descrizione itinerario

1° giorno: atterriamo a Palermo in mattinata. Dopo aver ritirato l’auto a noleggio in aeroporto, ci dirigiamo verso Scopello. Facciamo una breve visita alla famosissima Tonnara di Scopello e il nostro primo bagno siciliano alla Spiaggia dei Faraglioni. La spiaggia è proprietà privata, quindi prima di accedere dovrete pagare il biglietto di entrata e rispettare alcune regole. Se non volete fermarvi qui, lasciate alle vostre spalle la tonnara, proseguite dritto e troverete altre bellissime calette.
Prima di ripartire per la prossima tappa, ci fermiamo a visitare Scopello, piccolo ma bellissimo borgo. Qui assaggiamo anche il pane cunzato del Bar Nettuno.
Con la pancia piena, terminiamo la nostra giornata spostandoci verso San Vito Lo Capo.

2° giorno: una delle più belle esperienze da fare nella Sicilia occidentale è sicuramente visitare la Riserva dello Zingaro, per cui non perdiamo tempo e ci andiamo subito! Ci sono due possibilità per visitarla: percorrerla a piedi oppure osservarla della barca, scegliete voi anche in base al vostro tempo a disposizione e al caldo previsto. Noi abbiamo optato per la barca. L’escursione con partenza da San Vito Lo Capo, della durata di circa quattro ore, si può prenotare online o nel paese.
E’ stato bellissimo ammirare la natura incontaminata, le calette deserte e tuffarsi nell’acqua cristallina ad ogni tappa del tour.
Finita la gita decidiamo di trascorrere un po’ di tempo in spiaggia, in alternativa potrete già spostarvi verso Trapani. Noi verso le 17.00 abbiamo raggiunto Erice, borgo meraviglioso che si trova sulla vetta del Monte Erice.
Per raggiungerlo prendete la Funivia da Trapani. Qui potete cenare e rientrare entro le 23.00. Controllate apertura e orari.

3° giorno: ci svegliamo presto e andiamo a Favignana in giornata.
Potete raggiungere l’isola prendendo uno dei primi aliscafi che partono da Trapani al mattino e tornare nel tardo pomeriggio. Vi consiglio di prenotare l’aliscafo qualche giorno prima online e di lasciare l’auto a Trapani (c’è un parcheggio multipiano al porto). Una volta giunti sull’isola potrete noleggiare bici o motorini, mezzi indispensabili per girare l’isola.
Favignana è meravigliosa, con le sue grotte, spiagge e calette. Vi consiglio assolutamente di fare il bagno nelle acque cristalline di Cala Rossa, Cala Azzurra e spiaggia Calamoni. Non fermatevi alla prima spiaggia, ma esplorate l’isola, vedrete degli scorci che vi lasceranno semplicemente senza fiato.
Per cena siamo andati in un agriturismo bellissimo nell’entroterra, Il Baglio Don Bartolo, vicino a Castelluzzo.

4° giorno: dopo la sfacchinata della giornata precedente, trascorriamo una parte della mattinata a dormicchiare sulla spiaggia di San Vito Lo Capo, per pranzo passiamo a prendere tre arancini/e alla Pasticceria Capriccio (potete farvi preparare anche dei cannoli scomposti da portare via e farcire al momento: la fine del mondo) e ci mettiamo in marcia: direzione Agrigento.
Al tramonto visitiamo la Valle dei Templi, uno spettacolo! Il mio consiglio è di non vederla con il sole a picco, fa troppo caldo.

5° giorno: l’ultimo giorno in Sicilia lo iniziamo visitando Scala dei Turchi.
Vi consiglio di andarci al mattino presto, attenzione ad arrampicarvi. Indossate delle scarpe da ginnastica per evitare di scivolare e per essere più comodi nel caso in cui vogliate avventurarvi.
Terminata la visita, mangiate qualcosa al volo e rientrate verso Palermo. Se volete farvi l’ultimo bagno prima di prendere il volo di ritorno andate a Mondello.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

Potrebbero interessarti anche questi itinerari:

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?