Backpacking nelle Filippine

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email

Descrizione itinerario

1° giorno: arrivo di sera all’aeroporto di Cebu da Shanghai (circa 4 ore di volo). Alloggio in ostello in centro.

2° giorno: sveglia la mattina presto per prendere il bus verso Oslob, spiagge molto carine e semi deserta anche se bisogna camminare un po’ per trovare una bella zona di sabbia bianchissima.

3° giorno: sveglia presto per prendere il battello direzione Bohol. La fila è lunga nei giorni del capodanno cinese, è bene arrivare con abbastanza anticipo. Ci sono due tipi di biglietti, l’economy finisce presto, se non si vuole aspettare troppo ci sono quasi sempre i biglietti più costosi. Gli orari che si trovano su internet sono abbastanza indicativi e non precisi, il traghetto veloce impiega un paio d’ore, quello lento quasi 5. Arrivati a Bohol abbiamo preso un tuk tuk direzione Natura Vista, bellissimo ostello vicino a una spiaggetta molto carina e tranquilla. Ci sono sia camerate/dorm (circa 20€ a notte a px) che camere private. Personale gentilissimo e disponibile, cucina molto buona e ottima atmosfera.

4° giorno: visita organizzata dall’ostello alle colline di cioccolato. Abbiamo bucato nel tragitto ma è stato divertente cambiare la gomma con l’aiuto dei passanti. Le colline sono molto belle, il paesaggio è suggestivo ma molto turistico, tante persone. Vale comunque la pena visitarlo. Non richiede troppo tempo. Da lì siamo andati direttamente ad Anda beach.
La sera siamo andati a vedere il tramonto in un posticino vicino all’ostello, senza precedenti.

5° giorno: gita in barca organizzata dall’ostello, sveglia all’alba (spettacolare), abbiamo fatto snorkeling con le tartarughe giganti e siamo andati sulle Virgin Islands.

6° giorno: abbiamo esplorato Panglao a piedi e in tuk tuk, siamo stati ad Alona beach e ci siamo fermati per cena e cocktails, molto carino e movimentato.

7° giorno: mattinata in spiaggia a Panglao e ritorno a Cebu sempre tramite traghetto.

8° giorno: bus direzione Maya New Port (ci vogliono circa 4h e ci si ferma una sola volta). Una volta arrivati bisogna aspettare il piccolo traghetto che fa avanti e indietro da /per l’isola di Malapascua. Attesa sotto il sole, ma ci sono servizi, camioncino di hot dog (da non provare!) e delle panchine. Viaggio breve, l’isola è stupenda e circondata da sabbia bianca e mare cristallino.

9°-10° giorno: soggiorno a Malapascua, isola perfetta per lo snorkeling (altrimenti 3gg sono un po’ troppi). E’ molto piccola e si gira facilmente a piedi (cosa che consiglio di fare). Langob beach a nord è particolarmente bella e ventilata.

11° giorno: ritorno a Cebu. Di domenica il “traghetto” fa meno tratte. Inoltre quel giorno c’era molto vento e sono riuscita solo per fortuna a prendere l’ultimo. Viaggio molto movimentato, ma sicuro. Una volta a Maya Port il bus di ritorno a Cebu City passava da un mall vicino all’aeroporto, siamo scesi e abbiamo mangiato qualcosa in un ristorantino locale. Poi siamo andati in taxi all’aeroporto, dove abbiamo preso il volo di ritorno.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

Se avete tempo cercate di vedere più posti possibili, ogni isola è unica e bellissima.

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?