Cultura e relax nella Grecia Continentale

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email

Descrizione itinerario

1° giorno: volo di linea Aegean da Milano Malpensa per Atene in mattinata. Arrivo ad Atene nel primo pomeriggio e primo impatto con il centro della città. La nostra idea di oggi è quella di passeggiare a piedi per i quartieri storici di Plaka, con vie acciottolate, negozietti e ristorantini, e Anafiotika, un piccolo “villaggio” nel centro, dominati dall’Acropoli. Ceniamo nei dintorni e poi torniamo in albergo.

2° giorno: oggi iniziamo la giornata presto, per evitare sia il caldo che le lunghe code in ingresso all’Acropoli, che, infatti, non troviamo. Per visitarla con attenzione occorrono diverse ore (considerate che ci sono da vedere l’Odeon di Erode Attico, il Teatro di Dioniso, il tempio di Atena Nike, i Propilei, l’Eretteo, il Partenone), ma è talmente bella che il tempo volerà via. Poi siamo andate al Museo dell’Acropoli con la “ricostruzione” fedele del Partenone all’ultimo piano. La nostra tappa successiva è stata l’Antica Agorà, con la Stoà di Attalo, il Tempio di Efesto e la chiesetta bizantina dei Santi Apostoli. Successivamente ci siamo dirette verso l’Agorà Romana con la bella Torre dei Venti, la Biblioteca di Adriano ed un giretto per il quartiere di Monastiraki. Giornata lunga ed intensissima, ma, avendo praticamente solo questa piena, dovevamo sfruttarla al meglio.
Per cena vi suggerisco il ristorante Kuzina, non tanto per il cibo, comunque buono, ma per la vista, assolutamente impagabile.

3° giorno: ritiriamo l’auto e ci dirigiamo verso la nostra ultima visita ad Atene, il Monì Kaisarianis (monastero dei Cesariani), un monastero bizantino del XI secolo, a pochissimi km fuori dalla città. Una vera oasi di pace.
Subito dopo partiamo per Delfi, che dista più di due ore di macchina, e che, per gli antichi greci, rappresentava il centro del mondo. Luogo suggestivo, soprattutto per la sua posizione, arroccato sulle montagne e con vista in profondità su golfo di Corinto, e per la sua particolare storia di dimora del famoso oracolo dell’antichità.
Dopo la visita a Delfi ripartiamo per raggiungere la nostra ultima destinazione odierna, che è Kalambaka, la cittadina situata ai piedi delle Meteore. Ci vogliono altre tre ore d’auto, quindi arriviamo dopo le 20, in tempo per la cena.

4° giorno: oggi dedichiamo l’intera giornata alla visita delle Meteore e dei suoi monasteri. Il sito è a dir poco favoloso, con queste bizzarre formazioni rocciose, molto scure, che svettano su un’intensa vegetazione e contrastano con un bel cielo azzurro. E sulla cima di questi pinnacoli rocciosi si trovano diversi monasteri bizantini, di cui 6 visitabili. A breve distanza gli uni dagli altri si possono vedere praticamente in sequenza, anche se chiudono a turno nei giorni della settimana. A mio parere il più bello è quello di Varvaras Rousanou, dall’atmosfera più raccolta.
Tra soste fotografiche, curiosità geologiche e visita delle chiese bizantine passiamo praticamente tutta la giornata. Riusciamo a dare un’occhiata alla cittadina di Kaambaka solo in serata, ma, in realtà, non è certo imperdibile.

5° giorno: oggi ci spostiamo verso la Penisola Calcidica, con due soste in programma per dare un’occhiata ad una Grecia un po’ meno turistica, almeno per gli stranieri. La prima è il Castello di Platamonas, a circa due ore di distanza da Kalambaka. Il Castello ha una torre superba, praticamente intatta, ma alla quale purtroppo non si può accedere, e, soprattutto una bella posizione a picco sul mare. Purtroppo, lasciano invece un po’ a desiderare la sua fruibilità e la sua custodia…
La seconda sosta la effettuiamo invece a Palaios Panteleimonas, a pochi chilometri. Salendo per una strada tutta curve, si arriva in questo piccolo gioiello, con bellissima vista sul mare ma dall’aria di montagna, un po’ sospeso nel tempo.
Poi partiamo per Polichrono, dove c’è il nostro hotel al mare, nella penisola di Kassandra, il primo “dito” della penisola Calcidica. Arriviamo nel tardo pomeriggio, in tempo per fare il primo bagno, vedere il primo tramonto e iniziare a respirare l’aria di mare.

6° giorno: oggi giornata di relax assoluto sulla spiaggia di Polichrono.

7° giorno: mattina al mare a Polichrono, mentre nel pomeriggio abbiamo optato per andare a Capo Possidi, spiaggia lunga e bellissima sulla sponda opposta della penisola.

8° giorno: riposo al mare durante il giorno e poi passeggiata serale e cena a Kallithea, vivace paesino con tanti locali e negozietti vicino a Polichrono.

9° giorno: il mattino presto partenza per l’aeroporto di Salonicco, riconsegna dell’auto e volo per Orio al Serio, dove arriviamo per le 11.00.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

Se potete prendete la guida archeologica in italiano per l’Acropoli, ne vale la pena per capire meglio tutto il sito e la storia della città.

Cenate ad Atene al ristorante Kuzina, come ho scritto non tanto per il cibo, che comunque è buono, ma per la splendida vista sul Tempio di Efesto e sull’Acropoli.

Abbiamo scelto alberghi di livello medio-alto per ogni luogo dove abbiamo dormito: Hotel Inn Athens ad Atene, Hotel Tsikeli a Kalambaka, Sea Level Hotel nella penisola calcidica. In tutti e tre ci siamo trovate ottimamente, come qualità del servizio, pulizia e colazione.

Potrebbero interessarti anche questi itinerari:

slitte con husky

Road to Capo Nord

Viaggio verso Capo Nord, attraversando i paesaggi e le aurore boreali della Norvegia settentrionale per finire nella Lapponia finlandese.

Leggi Tutto »

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?