Dal Cilento alla Calabria

Descrizione itinerario

1° giorno: partiamo da Roma in macchina dopo il lavoro, per le 17:00. La prima tappa del nostro lungo weekend sarà Castellabate, ma per risparmiare e accorciare il primo tratto di strada abbiamo prenotato il primo alloggio a Santa Venere, molto vicino a Paestum.
Prima di arrivare però decidiamo di fare una tappa a Casertavecchia, lo splendido borgo medievale a 400 mt di altitudine, passeggiamo per i vicoli, ci godiamo il tramonto e concludiamo mangiando una pizza su una terrazza panoramica.
Infine dopo una breve passeggiata a Paestum ci dirigiamo nel nostro hotel a Santa Venere.

2° giorno: dopo una ricca colazione ci spostiamo subito verso Castellabate, passeggiamo per il paese, fotografiamo il belvedere accanto al castello e
prendiamo un gelato nel bar della famosa piazzetta in cui è stato girato il film Benvenuti al Sud. Ci spostiamo poi al porto di San Marco, dal quale iniziamo il trekking per la spiaggia di punta Licosa, un sentiero affascinante immerso nella natura, lungo circa 5 km per andata e ritorno.
Si raggiunge il piccolo porto di Punta Licosa, con una spiaggia selvaggia, quasi incontaminata e un mare cristallino.
Da qui partono varie imbarcazioni verso l’isola di Licosa sulla quale si erge l’omonimo faro. Dopo aver nuotato in queste acque limpide torniamo indietro e partiamo in direzione Palinuro, dove abbiamo prenotato un hotel per le prossime 2 notti. Andiamo a fare una doccia veloce così da riuscire a goderci lo splendido tramonto dal Faro di Capo Palinuro.
Per finire mangiamo pesce in un ottimo ristorante che ci viene consigliato da persone del posto.

3° giorno: per questa mattinata abbiamo organizzato una gita di due ore in barca a Palinuro. Attraversiamo le splendide acque “blu Palinuro”, passando nella Grotta Azzurra, affianco lo scoglio del Coniglio, l’arco naturale e infine arriviamo alla splendida Baia del Buon Dormire, dove ci fermiamo a fare il bagno.
Tornati indietro, mangiamo un panino al porto e ci spostiamo verso Marina di Camerota dove percorriamo il sentiero degli Infreschi, un sentiero abbastanza impegnativo di circa 4 ore, che passando attraverso la rigogliosa macchia mediterranea ci conduce prima alla Cala del Pozzallo, poi a Cala Bianca e infine alla splendida Baia degli Infreschi.
Ovviamente facciamo il bagno in ogni caletta e infine torniamo indietro al punto di partenza dove ci godiamo un meritato aperitivo al tramonto.
Dopo una breve passeggiata torniamo nell’hotel a Palinuro, stanchi, ma soddisfatti.

4° giorno: ci spostiamo a Maratea dove abbiamo già prenotato un volo con il parapendio. Il punto d’incontro è la splendida spiaggia di Acquafredda,
dalla quale ci vengono a prendere per andare nel punto di decollo a 1000mt di altezza!
Il volo è un’esperienza unica e straordinaria, che permette di ammirare il panorama mozzafiato della costa di Maratea, dalla montagna ai bellissimi colori del mare.
Restiamo un po’ nella spiaggia in cui atterriamo e ci spostiamo poi verso la spiaggia nera di Cala Jannita. Andiamo a vedere il tramonto dall’imponente statua del Cristo Redentore, sul monte San Biagio, dalla quale si gode di un bellissimo panorama sulla costa.
Ci spostiamo nel paese di Maratea vecchia, per fare una passeggiata e un ricco aperitivo in uno dei simpatici localetti tra i vicoli del centro.
Iniziamo a scendere più a sud fino in Calabria, fermandoci a dormire in un hotel di Tortora Marina, un paese inaspettatamente spento che utilizziamo solo come appoggio per il giorno seguente.

5° giorno: ci dirigiamo verso San Nicola Arcella, un angolo di paradiso della riviera calabrese, caratterizzata da sabbia finissima e acqua cristallina.
In particolare andiamo alla spiaggetta dell’Arcomagno, per raggiungerla bisogna prendere un sentiero che attraversa un paesaggio selvaggio e roccioso.
La spiaggia deve il suo nome alla presenza del grande arco di roccia che, grazie ad un gioco di luci e colori la rende unica.
Più tardi ci spostiamo a Scalea, e dopo l’ultimo pranzo di pesce in un elegante ristorante sul mare ripartiamo per Roma.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

La gita in barca è obbligatoria! Consiglio anche i percorsi di trekking perché permettono di vedere angoli e paesaggi non visitabili in altro modo.

Potrebbero interessarti anche questi itinerari:

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?