Exuma, paradiso delle Bahamas

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email

Descrizione itinerario

1° giorno: volo da Newark con scalo a Fort Lauderdale e arrivo a Exuma. Primo bagno a Hoopers Bay e alloggio al Coral Gardens.

2° giorno: verso il sud dell’Isola “Little Exuma”. Da grande appassionata della serie “Pirati dei Caraibi”, non potevo farmi mancare la spiaggia dove sono state girate alcune scene di “Pirati dei Caraibi – La maledizione del forziere fantasma”. Passato Forbes Hill, siamo andati alla stupenda spiaggia di Fort Beach e dopo aver fatto il bagno, abbiamo raggiunto la famosa Tropic of Cancer Beach.

3° giorno: giornata dedicata al nord dell’isola. Dopo una breve sosta a Mount Thompson per ammirare le Three Sister’s (tre rocce che escono dal mare), ci siamo diretti a Emerald Bay (la spiaggia del Sandals), scegliendo la parte più a sud della spiaggia che ha colori bellissimi. La sosta successiva è stata Cocoplum Beach e Runaway Beach. Al rientro verso il nostro B&B, ci siamo fermati al Williams Town Salt Beacon, sempre a Little Exuma, da cui si gode di una stupenda vista dall’alto.

4° giorno: il giorno dell’escursione. Il tour prevede: una breve sosta a Starfish Bay (dove ci sono le stelle marine), bagno al Thunderball Grotto (famosa per l’omonimo film Agente 007) e pausa pranzo su Compass Cay (vi consiglio un bagno con gli squali nutrice). Poi si raggiunge la famosa Big Major Cay (Pig Beach) dove ci sono i maialini-nuotanti. Dopo una breve sosta all’isola delle iguane (Great Guana Cay) si raggiunge il paradiso: un atollo di sabbia che spunta dal mare formando una piscina naturale con dei colori indescrivibili! Per me, solo questa sosta vale l’intera giornata.

5° giorno: abbiamo raggiunto Stocking Island con un water taxi dal porto di George Town. Ci hanno accolto da subito molte razze nella spiaggia davanti al bar Chat’n Chilly. Nel primo pomeriggio, a causa del brutto tempo portato dalla coda dell’uragano Isaac, siamo dovuti tornare.

6°-7° giorno: a causa del passaggio della coda di Isaac, abbiamo girato solo un po’ in macchina senza far nulla di interessante.

8° giorno: Siamo tornati a Cocoplum Beach, una delle spiagge più belle. Questa ci ha accolto con lo spettacolo creato dalla bassa marea.

9° giorno: abbiamo deciso di tornare a Stocking Island, che abbiamo ammirato con il bel tempo e i colori “giusti”.

10° giorno: volo di rientro verso Newark.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

L’escursione organizzata da Four C’s Adventures è stata veramente bella anche se un po’ costosa ($160 a testa pranzo escluso), ma ne è valsa assolutamente la pena.

Dove mangiare
– Splash
– Santanna’s
– Chat’n Chilly (Stocking Island)

Vi invito a leggere il mio dettagliato diario di viaggio cliccando qui.

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?