Islanda tra ghiacciai, cascate e vulcani

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email

Descrizione itinerario

1° giorno: partenza da Pisa la sera, scalo a Londra e arrivo la mattina a Reykjavik. Ritirata l’auto a noleggio (4×4) si parte per la penisola Snaefellsnes, con tappa a Ytri Tunga per vedere le foche, Búðakirkja, Arnarstapi, faro Svörtuloft e Kirkjufell. Cena e pernottamento a Stykkishólmur.

2° giorno: visita di Stykkishólmur e Hvammstangi, stop allo scoglio Hvitserkur, infine avvistamento delle foche a Osar. Pernottamento a Varmahlíð.

3° giorno: visita di Glaumbær (fattoria con tetto d’erba) e città di Akureyri, per poi dirigersi a Godafoss (facilmente raggiungibile) e a Aldejyarfoss (da raggiungere solo in 4×4). Cena e pernottamento nei pressi di Húsavík.

4° giorno: escursione per vedere le balene (e ne abbiamo viste!) la mattina e dopo pranzo visita del Canyon di Ásbyrgi, fino ad arrivare a Dettifoss e Selfoss. Notte nei pressi di Myvatn.

5° giorno: giro completo del lago Myvatn con visita a Dimmuborgir, Hofdi, gli pseudocrateri, Hverir, Krafla, fino al cratere Viti.
La sera bagno alle terme Mývatn Nature Baths. Pernottiamo a metà strada verso Askja sperando che la strada sia aperta.

6° giorno: purtroppo la strada è chiusa (a giugno può capitare) e quindi usiamo il piano B (che per fortuna avevo già preparato): ci dirigiamo a Borgarfjörður Eystri per vedere le pulcinelle di mare e ce ne sono tante! Poi andiamo a Seyðisfjörður, famosa per la strada arcobaleno che porta alla chiesa. Cena e pernottamento a Egilsstaðir.

7° giorno: andiamo a Litlanesfoss e Hengifoss. Facciamo poi tutta una strada sterrata per arrivare a Hofn (forse il navigatore non ci ha aiutato, meno male avevamo la 4×4).

8° giorno: visita alla Laguna di Jökulsárlón in gommone. Tappa sulla famosa Diamond Beach e poi trekking sul ghiacciaio Skaftafell. Visita alla cascata Svartifoss e cena/pernottamento a Kirkjubæjarklaustur.

9° giorno: passiamo da Kirkjugolf e Skaftareldahraun. Andiamo a Vik, alla famosa Reynisdrangar, poi alla spiaggia Reynisfjara. Ci fermiamo a vedere i resti del DC3. Visita delle famose cascate Skógafoss e Seljalandsfoss. Pernottamento a Búðarhólshverfi.

10° giorno: giornata dedicata alla visita dell’isola Vestmannaeyjar. Pernottamento a Hella.

11° giorno: per fortuna la strada per Landmannalaugar è aperta, percorriamo la 26 e la F208 e possiamo parcheggiare prima del guado. Che spettacolo, peccato che il cielo sia nuvoloso, ma i colori sono stupendi. Pernottamento a Fludir.

12° giorno: famoso circolo d’oro: Gullfoss, Geysir e Thingvellir. Tappa anche a Brúarhlöð. Arrivo a Reykjavik.

13° giorno: visita di Reykjavik e terme di Laugarvatn.

14° giorno: purtroppo è il giorno della partenza. Giro della penisola con stop a Kleifarvatn e Krysuvik prima del volo di ritorno.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

Potrebbero interessarti anche questi itinerari:

slitte con husky

Road to Capo Nord

Viaggio verso Capo Nord, attraversando i paesaggi e le aurore boreali della Norvegia settentrionale per finire nella Lapponia finlandese.

Leggi Tutto »
Islanda

Islanda selvaggia

Islanda: immersi nella natura più selvaggia ed estrema, dove si comprende come Madre Natura non abbia bisogno dell’uomo per prosperare.

Leggi Tutto »

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?