Los Angeles - biglietto di sola andata

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email
  • 7 giorni
  • America
  • > 3.000€
  • Città, Mare
  • Febbraio

Descrizione itinerario

1° giorno: partenza al mattino presto da Malpensa con arrivo nel pomeriggio a LAX (Los Angeles Int’l Airport), dove abbiamo ritirato l’auto a noleggio per poi dirigerci all’hotel in centro città o Downtown come lo chiamano i locali. Los Angeles, spesso chiamata L.A., è il centro culturale, finanziario e commerciale della California meridionale e considero tale città la mia seconda casa; qui è dove mi sono laureato ed ho quindi amici di vecchia data.

2° giorno: abbiamo dedicato l’intera giornata a “Downtown” ossia il cuore della città il cui battito proviene dal dinamico nucleo urbano del centro di Los Angeles. Qui abbiamo avuto modo di vedere i nuovi hotel, gli edifici adibiti a uffici e i complessi di appartamenti che definiscono lo spettacolare skyline della città. A completare la giornata è stata la visita al fulcro della California meridionale, il Los Angeles Convention Center ed il LACMA (Los Angeles County Museum of Art), dove abbiamo avuto modo di apprezzare le numerose opere d’arte e lo Urban Light, ossia l’opera formata da 202 lampioni che sembrano creare un labirinto di candeline per poi avere l’aspetto di affascinanti guardiani della sera. Qui abbiamo avuto modo di vedere diverse comunità etniche di Los Angeles che prosperano entro i confini contrassegnati dalle lucide torri finanziarie e dai grattacieli scintillanti di Downtown.

3° giorno: giornata dedicata alla costa (Coastal), la quale si estende per ben 72 miglia lungo l’Oceano Pacifico da Malibu a nord fino a Long Beach a sud. Qui le comunità costiere della contea di Los Angeles offrono spiagge spettacolari, con una serie di attrazioni ed una lista infinita di attività ricreative; tra queste abbiamo visitato: la promenade in Santa Monica, il Santa Monica Pier, il Pacific Park e la altrettanto rinomata Marina del Rey, tutto rigorosamente in bici e con i roller blades noleggiati ai chioschi in prossimità della spiaggia.

4° giorno: questa giornata l’abbiamo dedicata alla “Westside”, la zona Chic e Glamour di Los Angeles. In quest’area ci siamo imbattuti in innumerevoli negozi come quelli in Rodeo Drive, ristoranti, gallerie d’arte e centri di intrattenimento più alla moda della città. Beverly Hills, West Hollywood, Century City, Westwood, Brentwood e Bel Air sono solo alcuni dei tanti quartieri esclusivi che abbiamo visitato dove anche le sontuose ville delle celebrità e di gente facoltosa diventano attrazioni da vedere.

5° giorno: la quinta giornata l’abbiamo dedicata interamente al mondo del cinema, ossia Hollywood che è di sicuro la capitale mondiale dell’intrattenimento; Hollywood, come per ogni visitatore a Los Angeles, era per noi in cima alla lista dei luoghi da non perderci. Il mattino ed il pomeriggio l’abbiamo trascorso agli Universal Studios ed è stata una giornata piena di azione e divertimento in un luogo unico: corse a tema e spettacoli mozzafiato, uno studio cinematografico in piena attività. Il tardo pomeriggio ci siamo diretti a Hollywood (inteso come quartiere) dove la leggenda del cinema prende vita e dove abbiamo percorso la “Walk of Fame” per ricordare le celebrità i cui nomi appaiono sulle stelle di bronzo collocate sui marciapiedi di Hollywood Boulevard e Vine Street. Abbiamo inoltre visto le impronte di oltre 160 star leggendarie situate nel cortile del Chinese Theatre. Infine abbiamo fatto una capatina al Dolby Theatre, Il teatro che ospita la premiazione degli Academy Awards (Oscar).

6° giorno: il sesto giorno l’abbiamo trascorso in San Fernando Valley, una delle valli di Los Angeles insieme a quella di Santa Clarita e San Gabriel. La San Fernando Valley è chiamata dai locali semplicemente “The Valley”, è un mix di complessi di uffici moderni, ottimi ristoranti ed entusiasmanti centri commerciali oltre a aree ricreative per coloro che amano la vita all’aria aperta, proprio come me. Qui abbiamo gustato le pietanze americane: burger, patatine e milkshake (all’insegna delle calorie e dei grassi) ed in serata una gustosa bistecca (steak).

7° giorno: ultimo giorno della vacanza. Abbiamo preparato i bagagli, li abbiamo lasciati nel bagagliaio dell’auto per fare nuovamente una capatina a Santa Monica per poi prendere l’aereo di ritorno nel tardo pomeriggio. Durante gli ultimi momenti delle mie vacanze sono solito fare un resoconto sul luogo visitato. In questo caso mi sono reso conto che Los Angeles, contrariamente a quanto molti pensano, non è solo la “sede” dell’industria cinematografica; qui si possono apprezzare fantastiche giornate di sole, surf e sabbia, del clima piacevole e mite (che è sicuramente il mio preferito) e di persone affabili e cordiali (anche se la rivale e sofisticata città della costa orientale americana, New York, la pensa diversamente). Si dice infatti che i newyorkesi abbiano sempre guardato la West Coast dall’alto in basso. Personalmente penso che Los Angeles sia un luogo che vale la pena visitare, almeno una volta nella vita. Questo perché è una città cosmopolita e internazionale. La diversità etnica, i costumi, le lingue e gli stili di vita che influenzano il carattere della città abbracciano l’intero globo. A presto in quel di L.A.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

  • Aereo, Auto, Bicicletta
  • Hotel

Ho soggiornato presso The Beverly Hills Hotel Spa situato in Sunset Blvd grazie ad uno sconto speciale avuto tramite amici del posto. Diciamo che da listino ha prezzi elevati ma li vale fino all’ultimo centesimo. Lo consiglio a chi non vuol badare a spese ma vi sono un’infinità di hotel decisamente più economici o anche di lusso non solo lungo tutto Santa Monica Boulevard, ma anche nelle aree circostanti.

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?

Questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per approfondimenti clicca qui.