Singapore e Malesia

Descrizione itinerario

1° giorno: Arrivo all’aeroporto di Singapore, uno dei più belli al mondo. Iniziate con una breve sosta per un po’ di shopping, dopodiché potete prendere la metro per raggiungere il centro. Spostatevi a Kampong Glam, il quartiere arabo, che si sviluppa intorno ad Arab Street. Ricca di negozi di sete e di boutique, di locali che servono piatti della tradizione araba e malese, di caffè caratteristici e vivaci. Non perderti la Moschea Masjid (a Kampong Glam). Sempre nella stessa zona si trova Haji lane, una strada tipica famosa per i numerosi murales e per i bar/ristoranti caratteristici.

2° giorno: Iniziate questa giornata con i bellissimi giardini botanici di Singapore, i Botanic Gardens Nassim Gate. 74 ettari di completo verde, tra piante, giardini tematici, cascate, laghetti e un bellissimo Orchidarium. Dirigetevi poi verso Orchad Road, il cuore commerciale della città e una delle vie principali. Camminate lungo il grande viale alberato e ammirate gli alti grattacieli, alcuni dall’architettura molto particolare, poi continuate ad esplorare la via e entrate/uscite dai grandi centri commerciali. Visitare la biblioteca Library@Orchard. Arrivate fino al centro commerciale Suntec City, che merita assolutamente una visita perché qui troverete una delle attrazioni principali di Singapore: stiamo parlando della Fountain of Wealth. Iniziate poi il giro degli incredibili Gardens by the Bay, dei moderni giardini che si estendono per ben 101 ettari, dedicategli con calma un pomeriggio. L’attrazione principale è il Supertree Grove, un insieme di alberi artificiali che di notte si illuminano creando bellissimi giochi di luci.

3° giorno: Marina Bay, la zona più conosciuta e frequentata della città, grazie all’hotel Marina Bay Sands, alla ruota panoramica, all’ArtScience Museum e ai Gardens by the Bay. Fate l’intero giro di questa baia, partendo da The Promontory, un bellissimo punto panoramico, e percorrete poi la Marina Bay Waterfront Promenade, caratterizzata da alte palme e dal grande centro commerciale The Shoppes at Marina Bay Sands, in cui vi consiglio di fare un giro.
Una volta usciti attraversate l’Helix Bridge e arrivate sull’altro lato della baia. Passeggiate seguendo la riva fino ad arrivare al famoso Merlion, simbolo della città di Singapore, una statua alta 8,5 metri con il corpo da pesce e la testa da leone.
La città è ricca di quartieri etnici, in cui vale la pena perdersi per mezza giornata. Partite dal quartiere di Chinatown, abitato quasi totalmente da cinesi.
Tappa obbligatoria è il Buddha Tooth Relic Temple, un tempio buddista proprio nel centro del quartiere, aperto ai visitatori 7:00-19:00, gratis.
Perdetevi poi tra le bancarelle del Chinatown Street Market, ricche di prodotti culinari e souvenir/oggettistica varia. Sembrerà strano, visto il quartiere, ma qui c’è lo Sri Mariamman Temple, coloratissimo tempio induista. Fermatevi in uno dei tanti locali del quartiere, dove assaggiare la cucina asiatica più autentica.
Il pomeriggio scoprite la zona di Padang, il quartiere coloniale, eredità dell’Imperialismo britannico su Singapore. Ammirate dall’esterno le facciate del Victoria Theatre, della vecchia sede del Parlamento e della Corte Suprema, senza dimenticare la St Andrews Cathedral. Per un attimo vi sembrerà di essere tornati in Europa.
Proseguite con il giro della baia fino all’Art Science Museum, avveniristica struttura a forma di fiore di loto (tutti i giorni 10:00-19:00).
Concludete la giornata con lo spettacolo di luci, suoni e colori Wonder Full (show alle 20:00 e alle 21:30).

4° giorno: Giornata dedicata a Sentosa. Esistono diversi modi per raggiungere l’isola. Il panoramico consiste nel prendere la funivia dalla stazione di Mount Faber o Harbourfront Station. Iniziate proprio dagli Universal Studios Singapore, un parco a tema ispirato al cinema, con giostre, set e spettacoli dal vivo indicativamente aperti dalle 10 alle 17. Meraviglioso è il SEA Aquarium, il secondo acquario più grande del mondo (orari 10.00-17.00, ingresso da €22,00).

5° giorno: Viaggio in bus direzione Malesia, con sosta a Malacca. Sarà un lungo viaggio a rallentatore, che ti permetterà di riposare, ma anche di godere di uno stupendo panorama durante il percorso. Si entra così nel vivo dell’atmosfera malesiana con le sue verdeggianti foreste piene di palme da cocco.
Malacca è un piccolo paesino, inserito dall’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità, che si può tranquillamente visitare in un giorno. Da vedere il quartiere di China Town con il tempio di Cheng Hoon Teng, Porta de Santiago e la piazza olandese con la torre dell’orologio.
Al tramonto si può raggiungere il mare con un taxi per vedere la moschea galleggiante Masjid Selat Melaka, che sembra fluttuare quando il livello dell’acqua si alza, e che si illumina con tutte le sue vetrate colorate.
La serata si concludere con una passeggiata dopo cena lungo Jonker Walk.

6° giorno: Prendere un bus direzione Kuala Lumpur. KL è una città molto caotica e trafficata, caratterizzata dalla modernità dei grattacieli (come le Petronas Twin Tower) e l’antichità dei templi e moschee, in un mix di culture dove convivono più anime: musulmani, cinesi e indiani.
Gli ex uffici del potere, che ora sono diventati il palazzo del sultano Abdul Samad, insieme all’antica stazione dei treni si trovano sulla piazza principale della città, Piazza Merdeka. Sempre sulla piazza principale troviamo il “Royal Selangor Club”, un club usato come punto di incontro dagli alti ranghi della società inglese ai tempi del colonialismo e per concludere, poco distante da Piazza Merdeka, si trova un’affascinante moschea chiamata Masjid Jamek.
Per un’esperienza più autentica ricordati di camminare per le strade del quartiere “Kampong Bharu”, si tratta sostanzialmente di un villaggio tipico all’interno della città a due passi dalle Petronas Towers.
Per concludere fai un salto al quartiere cinese a due passi dal centro. Il tutto può tranquillamente essere fatto nell’arco di una giornata.
Da non perdere lo spettacolo serale delle Petronas, Sri Mahamariamman Temple, un tramonto dall’alto del Menara Kuala Lumpur, lo street food a Jalan Alor e The Federal Territory Mosque.

7° giorno: Raggiungete le grotte di Batu o “Batu Caves”, altra attrazione popolare di Kuala Lumpur. Contengono numerose statue e due piccole strutture raggiungibili al termine di una scalinata lunga 272 gradini: la location è davvero suggestiva, ma fai attenzione alle numerose scimmie che vivono nei paraggi, sempre pronte a rubare cibo e quant’altro riescano a trovare. L’ingresso è gratuito.
E’ possibile noleggiare l’auto per raggiungere Cameron Highlands. Questa regione montagnosa, che si trova circa 200 km a nord di Kuala Lumpur, è famosa per le sue piantagioni di tè e il clima decisamente piacevole rispetto al caldo torrido che caratterizza gran parte del Paese. Con altitudini che vanno dai 1135m ai 1829m è infatti la regione più alta del Paese raggiungibile con i mezzi. Qui il tè viene ancora affumicato con fuoco a legna, procedimento che conferisce al prodotto finale un particolare aroma. La Cameron Highlands Butterfly Farm ospita una collezione molto colorata e vivace di farfalle tropicali, tra cui la splendida Raja Brooke. La Raju’s Hill Strawberry Farm è un’altra tappa classica di un viaggio in queste terre. Per chi è interessato alla coltivazione idroponica delle fragole, si può fare un visita all’azienda e degustare un ottimo gelato alla fragola. Tanah Rata è invece la località maggiormente frequentata della zona.

8° giorno: La foresta Taman Negara si trova vicino a Kuala Lumpur. Qui vivono animali in via di estinzione come la tigre malese, il rinoceronte di Sumatra, il tapiro asiatico e l’elefante asiatico. Il punto di accesso alla giungla del Taman Negara è Kuala Tahan. Per arrivarci bisogna prima andare a Jerantut. Una volta a Jerantut si può arrivare via bus/taxi per Kuala Tahan (1 h di tragitto) o via bus/taxi per Kuala Tembeling e da qui ci si imbarca per un’affascinante navigazione di 3 ore fino a Kuala Tahan risalendo il fiume a bordo di lunghe canoe di legno. Questo è il tragitto più lungo, ma sicuramente il più suggestivo.
In questo parco svetta il Gunung Tahan (2.187 metri), la montagna più alta della parte peninsulare della Malesia. Non è molto semplice da scalare, ma si può fare con una guida.

9°-10° giorno: Arrivo a Penang, un’isola a nord della Malesia collegata alla terraferma da due ponti. Penang è anche il nome dello stato con capitale George Town.
A solo un paio d’ore di traghetto da Penang si trova Langkawi, un arcipelago formato da 99 isole nel mare al confine con la Thailandia, destinazione popolare per passare qualche giorno di relax in spiaggia e approfittare dei numerosi negozi duty free che si trovano sull’isola (l’alcol è particolarmente economico).
A Langkawi è da vedere il ponte sospeso (sky bridge), l’attrazione più popolare dell’isola. Si tratta di un ponte sospeso lungo 125 metri a 660 metri sul livello del mare. La vista a 360 gradi dell’isola è a dir poco mozzafiato.

11°-12° giorno: Relax alle isole Perhentian, un arcipelago paradisiaco dove poter praticare snorkeling e attività subacquee. Tutto a prezzi decisamente contenuti.

13° giorno: Volo da Kora Bharu a Singapore. Qui prendiamo l’aereo per il viaggio di ritorno.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

Concludete il primo giorno con una cena tipica nel quartiere arabo di Singapore, in uno dei tanti locali, e assaggiate la cucina malese, ad esempio al The Malayan Council.
Uno dei locali più particolari è l’Atlas Bar, che ha la più vasta collezione al mondo di tipi di Gin: oltre 1000.
Un altro posto che ci tenevo a visitare, per la vista, la migliore tra i locali di Singapore, è 1-Altitude.

Volare in Malesia è davvero semplice ed economico, verificate comunque il livello di sicurezza delle tante compagnie aree disponibili.

Immergetevi nei tipici locali dello street food asiatico e assaggiate tutto ciò che la gente del posto sa offrire.

Potrebbero interessarti anche questi itinerari:

Hanoi

Vietnam del nord

Itinerario di viaggio nel Vietnam del nord, con base ad Hanoi, per esplorare villaggi circondati da risaie e abitati da gente ospitale.

Leggi Tutto »
tramonto

Singapore e Bali

Un viaggio “fai da te” alla scoperta dell’Asia: dalla grande metropoli di Singapore alla fantastica isola di Bali in Indonesia!

Leggi Tutto »

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?