Una settimana alle Eolie

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su email

Descrizione itinerario

1° giorno: arrivo con volo su Catania, attesa dell’autobus per Milazzo e poi imbarco sull’Aliscafo per Lipari.
Noi avevamo prenotato tutto online, ma i biglietti per bus e aliscafo si possono fare anche sul momento (forse non in alta stagione).
Ci viene a prendere al porto il titolare del B&B, che ci porta a fare una prima tappa sull’isola di Lipari e ci da qualche dritta. Facciamo un primo giro del paese e organizziamo la prima escursione per il giorno dopo a Salina.

2° giorno: escursione a Salina. Nella barca siamo solo 4 turisti, quindi soluzione ottima per poter fare le soste e ammirare la costa sia di Lipari che di Salina. Nonostante siano isole vulcaniche il mare regala dei colori inaspettati. Sosta a Salina per il pranzo e un paio di soste per il bagno. Ci ferma anche la Guardia di Finanza per un controllo, ma ovviamente è tutto in regola.

3° giorno: escursione a Panarea e Stromboli. Questa volta la barca è un po’ più grande perché il tragitto è più lungo.
A Cala Junco facciamo una prima sosta per il bagno e poi abbiamo del tempo a disposizione per la visita di Panarea e il pranzo. Sinceramente il paese non mi ha entusiasmato. Tappa alle isolette di fronte (Lisca Nera, Lisca Bianca e Basiluzzo) per vedere l’acqua che bolle (sono sempre isole vulcaniche) e fare un’altra sosta per il bagno.
Poi ci dirigiamo verso Stromboli. L’isola è sovrastata dal vulcano a forma conica, ma purtroppo c’è una nuvola di Fantozzi sulla punta… speriamo che più tardi il vento la spazzi via. Il paesino è molto carino, lo visitiamo grazie ad un piccolo taxi elettrico tipo caddie. Aperitivo e poi ripartiamo con la barca, ci avviciniamo allo Strombolicchio, dopodiché ci fermiamo davanti alla sciara del fuoco per vedere lo spettacolo dello Stromboli. Purtroppo la nuvola di Fantozzi non si sposta e non riusciamo a vedere niente. Rientro in tarda serata a Lipari.

4° giorno: oggi niente escursioni, decidiamo di rilassarci un po’ in spiaggia e prendiamo due lettini ed un ombrellone alla spiaggia di Canneto. Comodo il servizio di collegamento dal paese alla spiaggia (con 4,20 euro facciamo andata e ritorno in due).

5° giorno: purtroppo il meteo non è dei migliori, l’escursione che avevamo programmato viene annullata e quindi prendiamo un auto a noleggio per girare via terra l’isola di Lipari. Passiamo dalle vecchie cave di pomice, tetre ma affascinanti, che “creavano” le cosiddette spiagge bianche. Riprendiamo la strada e dopo la spiaggia di Acquacalda visitiamo le cave di caolino, ennesima dimostrazione che siamo su un’isola vulcanica.
Dopo arriviamo alle Terme di San Calogero, ma purtroppo sono chiuse. C’è un signore anziano che ci offre di visitarle, ma non sembra una cosa molto legale e decliniamo l’invito. Peccato che non siano valorizzate come meriterebbero (risalgono a epoca romana).
Dopo una breve sosta obbligata per il pranzo (è venuto giù il diluvio), ripartiamo, ci fermiamo ad un belvedere e ritorniamo al paese. Qui ci dedichiamo alla visita del castello e al museo archeologico, che merita una visita assolutamente. C’è anche una sezione sulla vulcanologia per chi fosse appassionato (ci sono riferimenti anche a vulcani delle Azzorre e dell’Islanda, che abbiamo visitato in altri viaggi). Per finire tramonto dall’osservatorio geofisico.

6° giorno: escursione a Vulcano. Anche questa volta siamo su una piccola barca e siamo soltanto in 3.
A Vulcano facciamo la salita al cratere (consigliate le scarpe chiuse, no infradito) e poi un bagno rinfrescante nella spiaggia delle sabbie nere, ma il mare non era un granché.
Attraversiamo lo stretto istmo che collega questa spiaggia al porto e troviamo la spiaggia delle acque calde dove effettivamente l’acqua bolle! Purtroppo i fanghi sono chiusi, peccato. La barca ci viene a riprendere al porto per ritornare a Lipari.

7° giorno: avevamo in programma l’escursione ad Alicudi e Filicudi, ma purtroppo è annullata (non so se per il mare grosso o perché siamo in bassa stagione e non sono riusciti a riempire la barca).
Un po’ amareggiati, ci dedichiamo all’ultimo giorno di relax in spiaggia tornando a Canneto.

8° giorno: giorno di ripartenza, ultimi acquisti di souvenir e poi ci aspettano aliscafo, autobus e volo per il rientro.

Ulteriori informazioni e suggerimenti

Consiglio i ristorantI ‘Il Corallo’ e ‘Da Marisa’ a Lipari.

Escursioni con il simpatico Bartolino della Compagnia Marina Corta.

Potrebbero interessarti anche questi itinerari:

saline Marsala

Sicilia occidentale

10 giorni in Sicilia con partenza e arrivo a Palermo, passando per Agrigento, Marsala, Trapani e le isole Egadi (Favignana e Levanzo).

Leggi Tutto »
Spiaggia del Postino - Pollara - Isola di Salina

Isole Eolie

7 giorni alle Isole Eolie con partenza da Napoli. Base a Lipari/Salina e visita di Stromboli e Panarea. Mare stupendo e panorami mozzafiato.

Leggi Tutto »

Vuoi condividere i tuoi itinerari di viaggio?

Vuoi condividere un itinerario di viaggio?